Toni “el matt” è approdato a Palazzo Reale

Inaugurata a Palermo la mostra di Antonio Ligabue promossa dalla “Federico II” e dalla fondazione intitolata al pittore. Tra gli 80 dipinti esposti il celebre “Autoritratto con berretto da motociclista”

Fonte – Gazzetta del Sud

Gli animali, spesso feroci, esotici, ma anche domestici. E i celebri autoritratti, nei quali racconta impietosamente il suo volto. L’incanto. Ma anche iltormento di una esistenza dura, fatta di abbandoni, stenti, ricoveri negli ospedali psichiatrici ed emarginazioni.

Da Gualtieri, riconosciuto come il suo paese, a Palermo: Antonio Ligabue approda nelle Sale Duca di Montalto di Palazzo Reale, con la mostra “Tormenti e incanti”, promossa dalla Fondazione Federico II e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue.

Un evento, unico, per la città e per la Sicilia; per ricordare un assaggio dei lavori del più importante pittore naif italiano bisogna tornare indietro di oltre vent’anni (Villa Palagonia – Bagheria 1984 mostra antologica).

Ieri la presentazione, davanti al presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, al direttore generale della Fondazione Federico II Francesco Forgione e ai vertici della Fondazione Museo Antonio Ligabue. Simbolo della mostra una delle opere più conosciute di Toni “el matt”, Antonio “il folle”, l’Autoritratto con berretto da motociclista, di proprietà, tra l’ altro dello stesso curatore Sergio Negri.

«L’intera vicenda umana di Ligabue – spiega Forgione – ruota attorno alla sua diversità non accettata dagli altri, scontata e pagata con una solitudine popolata da incubi, ma anche riscattata con il genio della sua pittura. Questa mostra rappresenterà per la città e per la Sicilia un momento di grande respiro culturale ed umano».

Così, dopo la mostra dedicata a Botero, ecco Ligabue sotto le suggestive volte di una bellissima ala di Palazzo dei Normanni. L’ esposizione, visitabile fino al 31 agosto, comprende ottanta opere, alcune anche inedite, tra dipinti, sculture e disegni dell’artista.

Propone un excursus storico sull’ attualità dell’ opera di Ligabue che, seppure incentrata su pochi temi sempre ripetuti e rinnovati, rappresenta ancora oggi una delle più interessanti del Novecento.

Un modo per far conoscere i diversi esiti di questa singolare attività artistica che si estende dagli anni Venti al 1962, declinata nelle diverse tecniche espressive.

Anche grazie alle scelte di allestimento, la mostra permetterà di approfondire i nuclei tematici fondamentali. Ligabue studiava accuratamente l’anatomia degli animali che rappresentava e le loro posture tipiche assunte nelle fasi della caccia o del lavoro, desunte dall’ osservazione diretta e da varie fonti iconografiche.

Una chiara rappresentazione della lotta per la sopravvivenza nel mondo animale che rimanda alla sua concezione della vita, una lotta durissima piena di agguati.

Gli autoritratti, infine, rappresentano un’ esplicita, dichiarazione del suo valore d’ artista e della sua identità di persona, spesso dileggiata e irrisa, ma anche il suo sentirsi spesso uno straniero.

«Ligabue è riuscito – dice uno dei curatori, Sandro Parmiggiani – come solo i grandi pittori sanno fare, a esprimere e a far convivere, nello stesso quadro, una vibrante tensione emotiva che viene fortemente espressa e percepita».

«È una mostra di rilievo internazionale -ha detto il presidente dell’ Ars Ardizzone – ed è la dimostrazione che si può fare cultura nella nostra terra se c’è sinergia. Se si lasciano aperti i siti culturali il giorno di Pasqua e Pasquetta. Lo abbiamo potuto fare perchè il personale della fondazione Federico II c’ è venuto incontro e ci ha dato grandi disponibilità».

Poi il messaggio: «A visitare le mostre devono essere soprattutto i siciliani: spesso sento parlare dei turisti che verranno da fuori: sarei altrettanto felice se ne venissero da tutta la regione».

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial