Siracusa, una banale lite finisce in tragedia. 47enne ucciso da un amico

Una serata come altre per tre amici, l’incontro con delle donne e una lite che finisce in tragedia: con un solo pugno al volto Sebastiano Musso, 43 anni, operaio edile ha ucciso Franco Iraci, 47 anni, commerciante di auto usate. Sarà l’autopsia sul cadavere di quest’ultimo a chiarire in maniera definitiva che cosa è successo a Ortigia nella notte tra venerdì e sabato

Sarà il medico legale Francesco Coco a chiarire in maniera definitiva le circostanze della morte di Franco Iraci, 47 anni, ucciso da Sebastiano Musso, quarantatreenne operaio edile al culmine di una lite avvenuta ad Ortigia – in via Vittorio Veneto a due passi dall’ex carcere borbonico – nella notte tra venerdì e sabato.

Sembra che l’alterco tra i due – alle fasi iniziali del quale ha assistito un altro loro amico che ha chiesto l’intervento della Polizia a tragedia ormai avvenuta – fosse scoppiato per questioni di donne ma questa è un’ipotesi ancora al vaglio degli inquirenti. A porre fine alla lite e alla vita di Iraci, commerciante di auto usate, un pugno sferrato da Musso.

Nei confronti di Musso è stato formalizzata l’ipotesi di omicidio preterintenzionale, rimane da accertare per via autoptica se è stato il colpo da lui inferto a provocare la morte del suo amico oppure se a questi sia stato fatale il successivo impatto con l’asfalto.

A coordinare le indagini su questa tragica vicenda il capo della Procura, Francesco Paolo Giordano e il sostituto, Davide Lucignano.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial