Augusta, maxi-truffa ai danni dell’Inps: 400 indagati, sequestri per 1,8 milioni di euro

Sono sei le società di Augusta coinvolte nella maxi-truffa ai danni dell’Inps scoperta dalla Guardia di Finanza di Siracusa che ha sequestrato, su delega della Procura, conti correnti, immobili e altri beni per circa 1,8 milioni di euro

Ad insospettire gli investigatori è stato il numero di assunzioni troppo alto – rispetto al volume d’affari dichiarato – che sei società di Augusta avrebbero dichiarato dal 2009 in poi.

Tali assunzioni sarebbero infatti servite per percepire indennità di disoccupazione dall’Inps in maniera indebita.

Sono sei le società di Augusta coinvolte nella maxi-truffa scoperta dalla Guardia di Finanza di Siracusa che ha sequestrato, su delega della Procura, conti correnti, immobili e altri beni per circa 1,8 milioni di euro.

L’operazione, denominata “Transumanza”, ha consentito di individuare oltre 400 assunzioni fittizie che sono costate alla Previdenza sociale quasi 1,8 milioni; risultano indagati i rappresentanti delle società e oltre 400 lavoratori, l’accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni dello Stato e dell’Inps.

Le indagini sono state coordinate dal procuratore capo di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, e sono state dirette dal sostituto procuratore, Tommaso Pagano.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial