Operazione Matassa: David, uno dei “cavalli giusti”, sospeso dalle funzioni di consigliere comunale

Accusato di associazione per delinquere finalizzata al voto di scambio, Paolo David – sospeso dalle funzioni di consigliere comunale dal prefetto Stefano Trotta – non si è avvalso della facoltà di non rispondere e ha affrontato l’interrogatorio del giudice per le indagini preliminari, Maria Teresa Arena.

È il consigliere comunale Paolo David il perno dell’inchiesta giudiziaria che ha portato all’esecuzione dell’operazione-“Matassa” e all’arresto di altre 35 persone.

Accusato di associazione per delinquere finalizzata al voto di scambio, il fedelissimo di Francantonio Genovese – sospeso dalle funzioni di consigliere comunale dal prefetto Stefano Trotta – non si è avvalso della facoltà di non rispondere e ha affrontato l’interrogatorio del giudice per le indagini preliminari, Maria Teresa Arena.

Dalle intercettazioni prese in esame dagli investigatori, relative a conversazioni effettuate durante la campagna elettorale 2013, si desume peraltro che fosse Giuseppe Pernicone a svolgere un ruolo di collegamento tra i clan della zona e David.

Ad aprile 2013 risale infatti un colloquio tra Pernicone e Adelfio Perticari, durante il quale quest’ultimo parla anche con eccessiva disinvoltura di un possibile scambio di favori tra lui e David: «Vedi se vuole ‘na para i voti… ci serve… a noi una cortesia…».

Per la cronaca, Perticari – inteso anche come “Adolfo” – è un personaggio di spicco nel rione di Camaro. Sarebbe stato lui – secondo l’accusa – a premere due volte il grilletto contro Giuseppe De Francesco, il giovane ferito a morte in via Gerobino Pilli il 9 aprile scorso.

Ma per David i voti erano voti, inutile star lì a chiedersi troppo da dove e da chi arrivassero.

Al Pernicone l’ex consigliere comunale ricorderà infatti, in una successiva conversazione telefonica, che lui è uno dei “cavalli giusti”. Uno di quelli, cioè, in grado di mantenere le promesse.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial