Scicli, tutto pronto per Rubino 2016: lo showcooking con 7 cuochi di Sicilia

Sette chef per uno showcooking che farà risvegliare i cinque sensi e oltre: appuntamento a domani alle 11 Palazzo Busacca a Scicli per un progetto ambizioso e alternativo che vedrà in prima linea sette famosi cuochi siciliani: tra loro anche Giuseppe Geraci del ristorante Modì di Torregrotta

Fonte web

Sette chef per uno uno showcooking che farà risvegliare i cinque sensi e oltre: appuntamento a domani alle 11 Palazzo Busacca a Scicli per un progetto ambizioso e alternativo che vedrà in prima linea sette famosi cuochi siciliani, uniti dalla passione per la cucina e per il territorio e i suoi prodotti di eccellenza.

Ed ancora materie prime raffinate ma anche semplici, come quelle usate dalle nonne, e poi ricette della tradizione che si aprono alla modernità, per un viaggio di sapori e profumi, nel viaggio di “Rubino”.

È uno degli appuntamenti di punta del programma della 4ª edizione della manifestazione organizzata dall’associazione Sem e dedicata all’enogastronomia e alla scoperta del territorio, iniziata il 28 ottobre e in via di conclusione proprio il 1 novembre nella città barocca di Scicli.

Uno show cooking voluto e curato da Luca Giannone, chef del ristorante “Al Galù” di Scicli, che è riuscito a riunire sei colleghi che guidano le rispettive brigate di cucina di alcuni dei ristoranti più famosi in Sicilia.

Un format realizzato appositamente per “Rubino”, con il supporto del centro di formazione Jobbing Centre e dell’azienda catanese “Sean 1949”, e che vedrà lo stesso chef Giannone insieme agli chef Luca Cannizzaro del ristorante “La Sirenetta” di Modica, Giuseppe Venezia di Jobbing Centre di Ragusa, Giuseppe Geraci del ristorante “Modì” a Torregrotta, in provincia di Messina, Daniele Maltese, del ristorante “Al Galù” di Scicli, Carmelo Buoncuore di Jobbing Centre di Ragusa e Salvo Vicinale del ristorante “Al vecchio mulino” di Modica.

Insieme regaleranno emozioni alla vista e al palato dei partecipanti all’ evento che potranno assistere alla preparazione di pietanze prelibate che uniscono sapori antichi ad abbinamenti moderni, mirati a valorizzare i gusti tipici della terra iblea.

E già i nomi dei piatti fanno venire l’acquolina in bocca, lasciando presagire che non si tratterà della semplice riproposizione di piatti della tradizione ma al contrario si darà spazio all’estro culinario e creativo degli chef.

Come il piatto Ricordo di un caciocavallo arrosto e miele dello chef Cannizzaro, la Caponata rivisitata dello chef Venezia, il Cous cous a modo mio dello chef Geraci, il Mustazzolo di triglia dello chef Maltese, il Coniglio con la stimpirata dentro dello chef Buoncuore, il piatto Omaggio a Rubino 2016 dello chef Giannone e per finire il Bianco mangiare…reloaded dello chef Vicinale.

In abbinamento ci saranno i vini della cantina Giasira.

Un tripudio di profumi, colori, ingredienti, prodotti e utensili da cucina per un evento che attesta la grande energia e vitalità che “Rubino” riesce a fare emergere dal territorio in cui nasce e si svolge, dando ampio spazio a tutte quelle sinergie che possono svilupparsi tra i diversi attori del luogo, che è poi uno degli obiettivi su cui ha sempre puntato l’ associazione Sem nei suoi progetti.

«Da diversi anni – ha spiegato Federica Schembri di Sem – lo chef Luca Giannone voleva organizzare uno show cooking a Scicli, chiedendo il nostro supporto. Lo scorso anno abbiamo fatto un primo esperimento, ma quest’anno si replica in grande stile».

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial