L’azienda ragusana Eco Seib si aggiudica l’appalto per la gestione della raccolta differenziata nel comune di Castelcovati. Il sindaco della Lega Nord zittisce scettici e perplessi: «Affidamento regolare». L’appalto vale 420mila euro e la staffetta con l’uscente BiCo2 scatterà da marzo

Castelcovati (Brescia). Verrebbe da parlare di una storia al contrario. Una azienda del Sud che si aggiudica un bando e porta lavoro in un comune Bresciano. È quanto accaduto per il servizio di gestione della raccolta differenziata al centro di Castelcovati, paese a trazione leghista ormai da otto anni.  

Dal primo di marzo ad occuparsi del porta a porta, della suddivisione di organico, vetro, plastica, carta e indifferenziato, sarà la Eco Seib di Giarratana (Ragusa), che ha scalzato nel bando comunale la concorrenza dell’uscente BiCo2. 

Dal profondo sud al profondo nord, 1.446 chilometri di distanza, per un importo di 420mila euro, con la società non potrà procedere a subappalti, se non in una misura inferiore al 20 per cento del fatturato.

«Se a questo si aggiunge – scrive il quotidiano Brescia Oggi – che offre persino posti di lavoro in un paese con quasi duemila disoccupati, la notizia è di quelle che accenderanno le discussioni. Una sorpresa, indubbiamente, tanto più che la società, subentrando a un’altra azienda, ha per legge proposto la riassunzione del personale che tuttavia si è in parte rifiutato di accettare il cambio di proprietario. Anche per questo motivo è stato possibile bandire l’assunzione di tre operai, due autisti con patente C, e uno come operaio gestore dell’isola ecologica comunale».

E il sindaco, da leghista convinto, cosa ne pensa? «Assolutamente nulla certo fa sempre piacere vedere lavorare le ditte bresciane, ma questa azienda – ha dichiarato il primo cittadino Camilla Gritti mettendo a tacere il latente scetticismo e le perplessità che hanno accompagnato l’epilogo dell’appalto – ha superato tutti i filtri fissati dal Governo per poter partecipare a bandi pubblici. Un piccolo aiuto all’economia locale e di questi tempi tre posti possono fare gola a tanti, magari senza lavoro da anni». 

Gli interessati potranno contattare via mail la società all’indirizzo mail ecoseibsrl.rg@virgilio.it.

Si tratta del primo Comune acquisito nel Bresciano, ma la Eco Seib si è già assicurata appalti in provincia di Como, Varese, e in Svizzera.

«Nella storia dell’azienda che ha vinto l’appalto, in realtà, qualche difficoltà dal passato spunta, anche se la società – scrive ancora Brescia Oggi – ha assicurato di avere chiarito e risolto tutto con la prefettura ragusana, che nel 2015 aveva trasmesso una «informativa interdittiva antimafia», atto preventivo quando si sospettano infiltrazioni. Le carte con cui la società si è presentata ai concorsi parlano tuttavia di un sospeso superato ed è per questo che l’azienda ha potuto prendere parte alla gara di Castelcovati. Vincendola».

 

Share: