«Sono stato informato di progetti di attentati nei confronti di magistrati di Palermo orditi da Matteo Messina Denaro per interessi che, da vari elementi, sembrano non essere circoscritti alla mafia ma riconducibili a entità di carattere superiore». Sono queste le parole trapelate dall’audizione di Roberto Scarpinato in commissione Antimafia che si è tenuta oggi e durante la quale si è parlato dei rapporti tra Cosa Nostra e massoneria.

«Sono stato informato di progetti di attentati nei confronti di magistrati di Palermo orditi da Matteo Messina Denaro per interessi che, da vari elementi, sembrano non essere circoscritti alla mafia ma riconducibili a entità di carattere superiore».

Sono queste le uniche parole trapelate dall’audizione di Roberto Scarpinato, Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Palermo, in commissione Antimafia che si è tenuta oggi e durante la quale si è parlato dei rapporti tra Cosa Nostra e massoneria.

Top-secret il resto del colloquio.

Share: