Messina, Sogno di una notte di mezza estate

Dopo il successo della scorsa stagione il “Piccolo Festival Shakespeariano” torna a raccontare le tragedie del Bardo inglese con due appuntamenti degni di nota. Il primo è stato presentato al Forte San Salvatore, con la rappresentazione di “Shakespeare Horror Story – Il tradimento”. I luoghi suggestivi della Madonnina
del Porto hanno fatto da cornice ad un percorso itinerante in cui il “tradimento” segna le diverse tappe nelle opere rappresentate. Sette le commedie proposte: “Amleto”, “Tito Andronico”, “Otello”, “Riccardo III”, “Romeo e Giulietta, “Re Lear” e “Macbeth” affiancati quest’anno da altri personaggi di forte richiamo alla nostra attualità rispettando lo stile del regista Gonciaruk che si incastra perfettamente con il genio del grande drammaturgo inglese.

Dopo un immersione negli orrori delle cieche passioni, il festival si trasferisce al Monte di Pietà, dal 27 al 29 luglio con la commedia “Sogno di una notte di mezza estate”, rivisitata dal regista in una versione originale e atipica. L’opera è una tra le più rappresentate di Shakespeare. Una commedia divertente, ricca di poesia e delicatezza, dal gusto elegante e cortese, ma impregnata di spunti noir ed atmosfere anche inquietanti tipico delle commedie shakesperiane. La trama è ricca di personaggi, sorprese e colpi di scena. Partendo dalle imminenti nozze tra Teseo, duca d’Atene, e Ippolita, regina delle Amazzoni, da lui sconfitta e diventata suo bottino di guerra, nella storia si intrecciano eventi che danno vita ad uno spettacolo divertente e per certi versi inaspettato. Un gruppo di attori prepara una recita per festeggiare l’evento, mentre Titania e Oberon, rispettivamente regina e re delle fate e protettori dei talami nuziali, litigando nel bosco, tra una battuta e l’altra, assistono agli incontri tra amanti incompresi, amanti in fuga, amanti non corrisposti. Una fitta rete di equivoci e malintesi, folletti dispettosi, fate canterine, e poi la notte, le visioni, il sovrapporsi di stati di sonno e di veglia, sono le caratteristiche principali della commedia, che regalano un’immersione nel fantasy e nelle immagini ambigue della mente umana. Una versione originale che mentre resta fedele al testo permette di scoprire modalità di rappresentazione nuove e atipiche. Si ribaltano le regole della comunicazione teatrale ed il pubblico vive lo spettacolo vicino agli attori che recitano tra le scalinate della cornice suggestiva del Monte di Pietà. Uno spettacolo travolgente ed insolito, capace di catturare l’attenzione del pubblico.

Sogni e giochi si incastrano perfettamente in un’evocazione scenica e musicale che abbatte le barriere del tempo storico incentrando le vicende sull’amore e sugli intrighi tipici del teatro di Shakespeare. Originale. Il regista Daniele Gonciaruk è uno tra i più versatili attori e registi messinesi. Nonostante la sua formazione
e le sue prime esperienze teatrali ed attoriali si siano svolte lontano da Messina ha sempre riservato alla sua città un ruolo di primo piano nei più importanti allestimenti teatrali, con l’intento di promuovere un dibattito artistico-culturale che valorizzasse i talenti ed il territorio messinese. Anche per questo motivo, nel 2013 ha dato vita alla Scuola Sociale di Teatro, con sede a Messina e Roma, dedicandosi alla formazione di allievi giovani e non, che hanno in comune la passione per il teatro e la sua modalità espressiva. Come nello stile del regista, anche in quest’opera si incontrano forti richiami alla nostra attualità, a conferma del fatto che il linguaggio dei grandi rappresenta il tramite per parlare alle generazioni di tutti i tempi; ma è compito delle stesse generazioni, attraverso la rivisitazione culturale, far rivivere situazioni e protagonisti in chiave attuale, portando alla luce le loro varietà.

“Piccolo Festival Shakespeariano” è promosso dall’associazione culturale Officine Dagoruk, col patrocinio di Comune e Città Metropolitana di Messina, Fondazione Bonino-Pulejo e Ars.

 

 

 

Maria Sole Denaro

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial