Dalle attività di controllo svolte dal Nucleo antisofisticazione di Palermo, Ragusa e Catania al momento non risulta che il Fipronil sia stato utilizzato negli allevamenti ovicoli siciliani.

Non sono emerse criticità – dicono dal reparto – ma i controlli vanno avanti“. Controlli sono stati effettuati anche a Messina, Catania, Enna e, soprattutto, nel Modicano. Già nei giorni scorsi Lucio Giannone, dell’azienda AviMed, una tra le più importanti in Italia, tra i soci fondatori del Consorzio Avicolo Ibleo, aveva rassicurato i consumatori siciliani.

«I consumatori che scelgono e acquistano uova locali prodotte dalle grandi aziende del polo avicolo modicano, il più importante del Sud Italia, possono contare sulla massima sicurezza alimentare grazie a regole condivise che, oltre ai dettami di legge, ci si è dati all’interno della filiera e che permettono di garantire le produzioni di uova offrendo anche la totale tracciabilità. La vicenda delle uova al fipronil non riguarda dunque le produzioni siciliane e, secondo quanto indicato dal ministero, nemmeno quelle nel resto d’Italia»

 

Share: