C’è il primato della legge, della politica, della morale. Ma c’è un primato superiore: la qualità del consenso, la formazione del consenso. Lo stesso che la mafia controlla. La cattiva raccolta del voto, determina una cattiva democrazia. Dobbiamo perciò curare la qualità del consenso, la qualità del voto”.

Il ventiseiesimo anniversario della barbara uccisione dell’imprenditore Libero Grassi cade nel pieno della campagna elettorale siciliana. La famiglia dell’imprenditore ucciso dalla mafia e l’associazione Addiopizzo organizzano, a Palermo, tre giorni di eventi in suo ricordo.

Le iniziative si terranno dal 29 al 31 agosto 2017. Il programma di iniziative si apre, il 29 agosto, con la commemorazione sul luogo dell’eccidio in via Vittorio Alfieri alle 7.45, e un convegno antiracket presso Villa Niscemi. Nel primo pomeriggio una veleggiata che partirà dalla spiaggia del Nautoscopio per arrivare al Parco Libero Grassi ad Acqua dei Corsari in via Messina Marine di fronte al bar del Bivio.

L’appuntamento è poi sul lungomare di Isola delle Femmine, alle 19 con l’apericena, con i prodotti del marchio certificato Addiopizzo, alle 21, invece, in programma un dibattito con, tra gli altri, Francesco Del Bene, magistrato della Dda di Palermo, e a seguire la proiezione del film di Pif ‘La mafia uccide solo d’estate’.

Libero Grassi venne ucciso dai sicari di Cosa nostra  il 29 agosto del 1991, davanti alla sua abitazione in via Alfieri, a Palermo. Grassi pagò con la vita il suo “no” alle richieste di “pizzo” da parte della mafia. E con la sua pubblica e ferma resistenza al fenomeno delle estorsioni operò una vera e propria rivoluzione contro il pizzo e il sistema culturale mafioso.

Share: