Dalla Milano cosmopolita a Palermo cuore del Mediterraneo, Piano City unisce idealmente due città che negli ultimi anni hanno fatto della cultura uno dei principali motori del loro rin- novamento urbanistico e sociale. Dal 29 settembre al 1 ottobre, dal centro storico alle più lontane periferie, sarà la musica a raccontare le trasformazioni della città attraverso le note del pianoforte.

I concerti di Piano City si terranno infatti nei luoghi che meglio rappresentano la storia e il Ri- nascimento di Palermo: dalle chiese e gli oratori simbolo del barocco siciliano ai nuovi cantieri della creatività giovanile, dai palazzi storici ai quartieri più difficili. Piano City Pa- lermo offre un festival diffuso con oltre 50 concerti di piano solo nelle piazze, nei teatri, nelle dimore storiche e in decine di altri luoghi ricchi di suggestione come la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo, i Quattro Canti, la Zisa, gli Oratori del Serpotta, il Teatro Garibaldi, l’Aula Bunker e il portic- ciolo di Mondello, solo per citarne alcuni. Attraverso con- certi, pianoforti in movimento, laboratori e tributi ai grandi maestri, chiunque potrà esplorare la città, riscoprire attra- verso la musica i suoi angoli più famosi e addentrarsi nelle piazze e nei cortili no a ieri sconosciuti. Il Festival è organizzato da Piano City Milano, Teatro Massimo e Comune di Palermo, in collaborazione con Le Vie dei Tesori e il Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini di Palermo, e con il sostegno di Intesa Sanpaolo. La direzione artistica è curata da Ricciarda Belgiojoso, dal 2016 alla di- rezione di Piano City Milano, e Oscar Pizzo, direttore artistico del Teatro Massimo.

“Abbiamo voluto attivare questa collaborazione con Piano City – dice il sovrintendente del Teatro Massimo Francesco Giambrone – perché il nostro è un teatro aperto, inclusivo, per tutti, che ama uscire dalle sue mura, che coin- volge la città. Così come con Operacamion porteremo dal 14 settembre la lirica nelle periferie a bordo di un tir, con Piano City porteremo la musica in tutta Palermo, dalle di- more aristocratiche ai vicoli multietnici. Peraltro l’avvio della manifestazione coincide con la nostra Maratona Chopin, e questo rafforza il senso di una collaborazione che regala alla città una nuova occasione di scoperta, di valorizzazione delle sue bellezze e di attivazione di nuovi stimoli culturali”.

Mediapartner di questa edizione di Piano City Palermo sono Classica HD, Repubblica Palermo, Rai Cultura, Pianosolo e Radio Time. Tutti gli appuntamenti di Piano City Palermo sono a ingresso libero no a esaurimento posti, salvo differenti indicazioni riportate sul programma in cor- rispondenza di ciascun evento. I dettagli dei programmi dei concerti sono indicati sul sito pianocitypalermo.it/pro- gramma. Ad inaugurare Piano City Palermo sarà Danilo Rea, compositore e pianista jazz di fama internazionale, che si esibirà venerdì 29 settembre alle 21 nella Chiesa di Santa Maria dello Spasimo con il concerto di musica jazz “Un tributo a Fabrizio de Andrè”. La Chiesa di Santa Maria dello Spasimo ospiterà anche un altro dei più attesi pianisti della rassegna: Bill Laurance, vincitore di tre Grammy come membro della band di fama internazionale Snarky Puppy, qui si esibisce in piano solo. Il concerto, realizzato in colla- borazione con Intesa Sanpaolo, si terrà sabato 30 settembre alle 21. Cuore della manifestazione sarà il Piano Center, al Teatro Massimo, dove il pubblico potrà trovare tutte le in- formazioni sul festival. Il Teatro Massimo, tra i principali partner di Piano City, ospiterà nel foyer anche una maratona dedicata a Chopin di 24 ore ininterrotte di musica, a cui partecipano oltre 100 pianisti. La maratona inizierà dopo il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 di F. Chopin e si concluderà prima del Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in cartellone per la Stagione Sinfonica del Teatro ri- spettivamente sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre.

Le giornate di sabato e domenica iniziano al sorgere del sole con due suggestivi concerti all’alba. Cesare Picco suonerà sabato 30 settembre alle 6.30 a Quattro Canti, luogo dalrande valore urbanistico e architettonico e centro della Palermo barocca, noto anche come Teatro della Città o Teatro del Sole. Domenica 1 ottobre alle 6.45 sarà la spiaggia di Mondello a fare da cornice a un concerto sulle note di Ennio Morricone eseguito dalla pianista Gilda Buttà.
Musica classica, rock e contemporanea animerà il quartiere della Cala. Sabato 30 settembre, dalle 16.15 a mezzanotte, gli spettatori potranno muoversi tra l’Oratorio di Santa Cita e la Chiesa di San Giorgio dei Genovesi, tra la Chiesa di Santa Maria di Valverde e l’Oratorio SS. Rosario in S. Domenico. Dalle 17 all’interno dell’Oratorio di Santa Cita si terrà una maratona di concerti di musica classica con un repertorio che spazia da Bach a Mozart, da Liszt a Brahms. Dalle 20 e no a mezzanotte la Chiesa di Santa Maria di Valverde ospiterà un percorso musicale intorno a Beethoven; alle 21 sul sagrato della Chiesa di San Giorgio dei Genovesi la pianista turca AyseDeniz Gokcin si esibirà nel “Pink Floyd Classical Concept”, con musiche dell’intramontabile band inglese. In ne, dalle 22 nell’Oratorio SS. Rosario in S. Domenico si potranno ascoltare musiche classiche e contemporanee: la pianista Dorotea Cei suonerà un repertorio di Bach, e a seguire Andres Kern con Schubert e musiche originali, chiude Maria Ausilia di Falco con musiche di Philip Glass.
Nello storico Palazzo Mazzarino sabato 30 settembre dalle 19 musica classica e jazz con Rosamaria Macaluso, Massimo Bentivegna e Amedeo Mignano. Concerti anche nelle strade e nelle piazze della città con Salvatore Bonafede, che sabato 30 settembre alle 20 in piazza San Francesco Saverio suonerà la musica jazz di Gershwin. Tra le numerosi sedi di Piano City anche Talamo Pianoforti, uno dei più antichi negozi di pianoforti di Palermo. Sabato 30 alle 18 Antonio Trovato, pianista e compositore, suonerà musiche originali, mentre domenica 1 ottobre alle 18 Car- men Sottile, tredici anni e già numerosi premi alle spalle, si esibirà in un repertorio di musica classica, da Mozart a Liszt.

Share: