Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Rassegna Popolare Ibbisota – Sagra del Cannolo

agosto 16 @ 5:30 pm - 11:30 pm

Giunge alla sua 5° edizione  la Rassegna popolare Ibbisota.

La sfilata dei carretti siciliani da parte delle storiche famiglie Messinesi Molonia e Todaro, mezzo a trazione equina adibito al trasporto merci, in uso in tutto il territorio siciliano dal XIX secolo fino alla seconda metà del XX secolo. Costruito con diverse qualità di legno, spesso fregiato da intagli bucolici e sgargianti decorazioni pittoriche, al giorno d’oggi è divenuto oggetto d’arte artigianale, nonché uno dei simboli dell’iconografia folcloristica siciliana, e di recente proposto come bene artistico del patrimonio UNESCO.

L’animazione di cultura popolare siciliana, fatta di balli e di musica della tradizione siciliana eseguita con gli antichi strumenti sono lo zufolo o friscaletto, il marranzano e il tamburello. Esistono varianti che presentano l’uso di altri strumenti quali quartara, organetto, ciaramella, fisarmonica, chitarra battente e anche la zampogna, accompagnati da un gruppo folcloristico di canterini e danzatori della cultura popolare siciliana, I Cariddi, fondato nel 1972 e diretto dal maestro Tobia Rinaldo, è affiliato alla F.I.T.P. (Federazione Italiana Tradizioni Popolari)
La poesia dialettale e stornelli siciliani, recitate sul momento da maestri e noti interpreti nell’hinterland messinese, fra cui il noto poeta Pippo B. (all’anagrafe Pippo Bonaccorso)

L’Opera dei Pupi, ovvero il teatro delle marionette tipicamente siciliano, i cui protagonisti sono Carlo Magno e i suoi paladini. Le gesta di questi personaggi sono trattate attraverso la rielaborazione del materiale contenuto nei romanzi e nei poemi del ciclo carolingio, della Storia dei Paladini di Francia e dell’Orlando furioso. Le marionette sono appunto dette pupi (dal latino “pupus” che significa bambino). L’Opera dei Pupi in Sicilia, tra la seconda metà del XIX e la prima metà del XX secolo. Nel 2008 l’UNESCO ha iscritto l’Opera dei Pupi tra i patrimoni Orali e Immateriali dell’Umanità, dopo averla originariamente proclamata nel 2001. È stato il primo Patrimonio italiano a esser inserito in tale lista. Ad esibirsi durante la serata sarà la storica famiglia di mastri pupari dei Fratelli Napoli di Catania.

La Cultura Siciliana nasce anche dalle tradizioni della cultura araba che in Sicilia ha avuto un’influente dominazione che va dal IX Secolo fino alla fine del 1400. E’ doveroso per questo dare all’interno della Rassegna Popolare Ibbisota un piccolo spazio a queste affascinanti tradizioni. Si esibirà il gruppo di Danza Orientale Pluripremiato, “Le Ninfe del Deserto” della maestra Mariagrazia De Seta.

Sarà possibile inoltre visitare il “Museo Musica e Cultura dei Peloritani”. Concepito secondo i più aggiornati indirizzi museografici, il Museo “Cultura e Musica Popolare dei Peloritani”, attivo dal  1996, si configura come un’esperienza esemplare per la conservazione e la fruizione di una porzione significativa del patrimonio di cultura di tradizione orale siciliana. Oltre a ricostruire la lunga e complessa vicenda organologica dello strumentario musicale popolare, ordinato secondo le classiche famiglie degli aerofoni, cordofoni, membranofoni ed idiofoni, il percorso espositivo evidenzia, con l’ausilio di un ricco apparato iconografico, schede didattico-informative e supporti video, i caratteri tipici di ogni strumento, ovvero le occasioni d’uso, le funzioni cerimoniali assolte, le modalità di costruzione e le tecniche di accordatura. Accanto agli oltre 150 strumenti musicali e da suono che fanno parte’ dell’originale collezione museale, unica nel suo genere in Sicilia, è possibile osservare anche oggetti agro-pastorali, quali utensili di lavoro e manufatti lignei d’uso quotidiano, che segnalano il più vasto orizzonte di cultura materiale e di comunicazione interpersonale entro il quale si collocano i “produttori di suono”. Il suggestivo viaggio tra i suoni strumentali della tradizione, che si sviluppa in quattro sale, propone anche uno spazio multimediale di approfondimento, articolato in una sezione bibliografica, una postazione video ed un’area digitale per l’ascolto dei repertori strumentali e vocali di festa e di lavoro.

Share:

Luogo

Gesso
Messina, Italia + Google Maps

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial